News / S’intensifica l’attività vulcanica nell’Isola di Vulcano: il fascino della natura a portata di mano

S’intensifica l’attività vulcanica nell’Isola di Vulcano: il fascino della natura a portata di mano

15 Nov 2021

isola di vulcano

L’Isola di Vulcano, uno dei sette gioielli delle Isole Eolie, ha recentemente mostrato a turisti e cittadini la forza della natura con un’intensificazione della sua attività vulcanica. In particolare, dalla fine dello scorso settembre, è stato monitorato un innalzamento dei parametri standard e una maggiore concentrazione di esalazioni. Si tratta di anomalie, che potrebbero far pensare a una ripresa dell’attività eruttiva.

 

Nell’Isola di Vulcano s’innalza l’attività vulcanica: la storia eruttiva di una perla del Mediterraneo

Le Isole Eolie sono un paradiso dall’indiscussa bellezza, in cui la natura è protagonista di un vero e proprio spettacolo. Tra i numerosi punti attrattivi di questa meravigliosa area del Mediterraneo, si trova certamente l’Isola di Vulcano. Come lo stesso nome suggerisce, si tratta di un territorio di origine vulcanica, in cui insiste ancora un complesso sistema vulcanico. Nell’Isola delle Eolie, si trova una caldera vulcanica, denominata La Fossa, che ultimamente ha intensificato la sua attività.

Storicamente, Vulcano è sempre stata caratterizzata da lunghi periodi di stop dell’attività eruttiva e altri, invece, in cui si può parlare di cicli di eruzioni. Il primo di questi periodi di lunga attività documentati, risale al cinquecento e fu seguito da una pausa di ben duecento anni. Dal 1727 al 1739 ricominciarono le attività eruttive e un altro ciclo ci fu dal 1888 al 1890. L’attività vulcanica è adesso dormiente da circa 130 anni sull’Isola eoliana.

 

Cambia l’attività vulcanica dell’Isola di Vulcano: i parametri che si sono modificati

L’attività vulcanica dell’Isola di Vulcano ha sempre alternato cicli eruttivi a grossi periodi di calma. Da settembre 2021, però, la situazione sembra essere cambiata. I sistemi di monitoraggio hanno registrato la variazione di alcuni segnali geofisici e geochimici. Si tratta di un’intensificazione delle esalazioni gassose e della temperatura e composizione delle stesse. Inoltre, nell’area di La Fossa ci sono stati anche dei fenomeni sismici.

Elementi che fanno scattare l’aumento dell’attenzione e del monitoraggio, ma che sono pienamente in linea con i periodi denominati di Unrest, anche questi tipici della storia eruttiva di Vulcano. Si tratta di momenti in cui l’attività vulcanica aumenta, ma senza sfociare in vere e proprie eruzioni.